Lego e altri giocattoli. Le idee che l’arte ha rubato

22.79

Lego, Barbie, Playmobil, Puffi, Mini Pony. Sono questi i nuovi soggetti e, in alcuni casi, perfino i nuovi strumenti dell’arte. Sono sempre più numerosi, infatti, gli artisti, pure veri e propri “big”, che prendono ispirazione dai giocattoli più noti e diffusi, in particolare negli anni Settanta e Ottanta, per creare opere d’arte. Si comincia dal Lego in un viaggio intorno al mondo tra sculture, dipinti, street art, che va dall’americano Nathan Sawaya al cinese Ai Weiwei, dagli olan-desi Leon Keer e Jan Vormann al tedesco Martin Heuwold, in arte MegX, fino agli italiani Stefano Bolcato e Udronotto.

Acquista su Amazon

COD: 00022 Categoria: Etichette: , , , , ,

Descrizione

Lego, Barbie, Playmobil, Puffi, Mini Pony. Sono questi i nuovi soggetti e, in alcuni casi, perfino i nuovi strumenti dell’arte. Sono sempre più numerosi, infatti, gli artisti, pure veri e propri “big”, che prendono ispirazione dai giocattoli più noti e diffusi, in particolare negli anni Settanta e Ottanta, per creare opere d’arte. Si comincia dal Lego in un viaggio intorno al mondo tra sculture, dipinti, street art, che va dall’americano Nathan Sawaya al cinese Ai Weiwei, dagli olan-desi Leon Keer e Jan Vormann al tedesco Martin Heuwold, in arte MegX, fino agli italiani Stefano Bolcato e Udronotto.

Poi, le Barbie, che hanno ispirato Andy Warhol, Catherine Théry, Francesco De Molfetta, Jocelyne Grivaud, Pool & Marianela, Freya Jobbins, David Parise. E i Playmobil di Pierre-Adrien Sollier, Mat Kemp, Ivan Madrigal, Nikos Rakka, i puffi di Paolo Tagliaferro e Mamafaka, i My Little Pony di Mari Kasurinen e così via, passando per il Dolce Forno celebrato da Max Ferrigno, i Care Bears di Jerkface, giochi da tavolo e videogame. Una vera e propria seconda giovinezza per i giocattoli e pure per l’arte. Tra storia, sculture, dipinti e nostalgia, una ricerca delle radici di questa nuova “passione” internazionale, raccontata anche attraverso interviste agli artisti. Un viaggio nei decenni e nelle tecniche, per illustrare come mattoncini, bambole, personaggi e giochi da tavolo hanno costruito il nostro immaginario. Il primo studio approfondito sul giocattolo contemporaneo come icona pop.

 

  • Copertina flessibile: 224 pagine
  • Editore: Ultra (5 dicembre 2017)
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8867766694
  • ISBN-13: 978-8867766697

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lego e altri giocattoli. Le idee che l’arte ha rubato”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright 2017 by Artemperature CHE-169.096.393